Da qualche anno a Lonate Pozzolo le celebrazioni della Festa della Repubblica del 2 Giugno sono arricchite dalla presenza di una rappresentanza dei diciottenni del nostro Comune, che compiono il proprio Debutto Civico.  Nella suggestiva cornice del Parco delle Rimembranze, ad accogliere l’invito dell’Amministrazione Comunale sono stati dieci giovani concittadini, che hanno ricevuto per mano del Sindaco una pergamena e una copia della Costituzione Italiana. Le autorità civili, militari e religiose presenti li hanno applauditi e incoraggiati.
Giorgia, Giada, Elettra, Riccardo, Luca, Fabio, Andrea Luana, Joseph, Filippo: il microfono è passato di mano in mano, all’atto della consegna dei doni, perché si potessero presentare. Due di loro, Luca Ferrario e Andrea Luana Locarno, hanno tenuto un discorso, nel quale si sono dichiarati pronti per raccogliere il testimone dei valori che fondano la Costituzione Repubblicana, consapevoli delle nuove responsabilità, ma anche delle nuove soddisfazioni, che arrivano con il compimento dei diciotto anni.

Proprio con Luca Ferrario e Andrea Luana Locarno ci siamo intrattenuti al termine della cerimonia per uno scambio di battute:  «Come descriverei Lonate Pozzolo? Casa mia. Bella!», afferma Luca. «Piena di ricordi del passato, della guerra», aggiunge Andrea Luana. Una Lonate Pozzolo che, nelle parole di Luca e Andrea Luana, «offre luoghi di incontro: biblioteca, bar. E opportunità lavorative». Alla domanda di cosa, invece, i diciottenni possano offrire a Lonate Pozzolo, Luca sorride: «Non ci ho ancora pensato, ma…». Dopo un attimo di riflessione, Luca e Andrea Luana sono concordi: «In futuro ci piacerebbe impegnarci nella politica del paese, partecipare attivamente». Nelle parole dei due giovani diciottenni, registriamo dimostrazioni di affetto nei confronti del nostro Comune. «A Lonate Pozzolo sto bene, afferma Luca. «Anche io qui sto bene – concorda Andrea Luana – anche se mi piacerebbe un giorno fare un’esperienza all’estero».

La tromba solista del rappresentante della Fanfara dei Bersaglieri, ad accompagnare il sempre emozionante momento dell’alzabandiera. La deposizione di una corona di fiori all’altare dei caduti. La commemorazione doverosa e sentita dei valori della nostra Nazione e delle persone che per la Repubblica hanno sacrificato la propria vita.
La presenza dei Diciottenni del nostro Comune offre una prospettiva nuova e preziosa, un ponte fra il passato – la Storia – e l’attualità, il futuro. Un futuro che parte da adesso, con il testo della Costituzione nelle mani di Luca, Andrea Luana e dei loro altri otto coetanei.


Pubblicato il 2 giugno 2015